La volta buona

C’è chi il destino deve subirlo, chi invece, una volta che gli è caduto addosso, 

si spolvera e cerca di ripartire.

Marilena Brassoti Ziello

Versione completa arricchita di contenuti speciali, disponibile solo sul canale on-line W Books

Edizione classica ordinabile su tutti gli store on line e in tutte le librerie d’Italia

e-book ordinabile sugli store on line in tutti digitali (epub, kobo, kindle, ecc.)

Caratteristiche pubblicazione

Produzione: W Book De Luxe

Edizione: Cartacea

Genere: Narrativa – Amore

In uscita il: 21 marzo 2019

Prezzo: € 12,90

Pagine: 182

Sofia, ventisettenne, torna a Napoli delusa da una relazione di quattro anni con un fotografo con il quale ha convissuto e collaborato a Genova.

Insediatasi nell’appartamento che fu di sua nonna ormai defunta incontra e conosce il piccolo Lorenzo, figlio del gestore del Grand Hotel Vesuvio, riportando nella sua vita pezzi di infanzia felice.

Con il piccolo si instaura sin da subito un legame di fiducia e amicizia che “guarisce” entrambi da una solitudine pesante. Infatti due anni prima la mamma di Lorenzo si è suicidata in seguito a una forte depressione gettandosi da un balcone dell’albergo, ma per questo gesto viene fortemente accusato Gennaro, il padre del piccolo e figlio di Don Antonio, il proprietario della struttura.

Gennaro avrebbe bisogno di sostegno e luce, quella stessa che il Signor Gaetano, un vecchio concierge amico della famiglia di Sofia e molto vicino alla nonna di lei, vede in Sofia come degna discendente della sua amata. Una giovane donna che si troverà a vivere uno strano inizio, un ricominciare attraverso il riconoscere se stessi e soprattutto un riconoscersi attraverso qualcun altro: Lorenzo, piomberà nella vita di Sofia stravolgendola interamente. Il rapporto con il padre del piccolo sarà idilliaco e difficile. Si intrecciano alla vicenda di Lorenzo e Sofia, due storie d’amore. Passato e presente al confronto, in una splendida cornice che è Napoli.  

Napoli, con i suoi pregiudizi, le sue storie ed i suoi amori. Napoli e le sue bellezze nascoste, come le verità. Napoli come un sentimento da vivere e di cui non puoi averne paura mai, nemmeno quando ogni giorno quella paura è costante, perché infondo si teme di perdere la libertà, l’opportunità di vivere una vita serena. Di potersi vivere un figlio. Napoli, che diventa il verbo con cui coniughi te stesso. In primis troviamo l’Amore, quello con la A maiuscola, quello che arriva spesso quando meno te lo aspetti, in sordina, di soppiatto e rappresentato da una figura che odi o hai dimenticato. Importante e non di secondo piano, ci si allaccia anche alla fiducia, quella del ragazzino in Sofia, quella di Gaetano in Sofia e quella contrastata di Gen in Sofia. Naturalmente se parliamo di affetti, di famiglia, qui rileviamo una situazione di famiglia allargata, di vedovi e separati che dopo delusioni e dolore trovano nell’altro “un porto sicuro”. Infine la solitudine, quella cercata e quella imposta che si cullano nella bellezza di luoghi incantevoli e unici come il golfo di Napoli e la città stessa.