Tra farfalle e realtà

Un giorno abbiamo deciso di andare a caccia di farfalle:

non avevo mai visto tante farfalle in vita mia, di tutte le specie, di tutti i colori…

Giuseppe Gerbino

Versione completa arricchita di contenuti speciali, disponibile solo sul canale on-line W Books

Edizione classica ordinabile su tutti gli store on line e in tutte le librerie d’Italia

e-book ordinabile sugli store on line in tutti digitali (epub, kobo, kindle, ecc.)

Caratteristiche pubblicazione

Produzione: W Book De Luxe

Edizione: Cartacea

Genere: Young

In uscita il: 15 maggio 2019

Prezzo: € 7,90

Pagine:  88

Tra farfalle e realtà è la raccolta di quattordici storie tutte slegate tra loro e, quindi, ognuna con ambientazioni e personaggi diversi. E così, i protagonisti sono persone in carne e ossa, ma anche animali o oggetti che prendono vita grazie alla penna dell’autore.

Anche la struttura narrativa non segue una regola fissa e alcune storie sono scritte in prima persona, altre in terza, proprio come quelle favole che iniziavano sempre con “C’era una volta…” Racconti indipendenti l’uno dall’altro, ma uniti da un medesimo filo conduttore: “A volte non bisogna fermarsi a quello che ci hanno insegnato”, che spesso ci confina nell’apparenza.

La difficoltà è riuscire ad aprirsi e a vedere oltre quella che appare la realtà, o fermarsi ad ascoltare e osservare quello che ci circonda.

Non esiste alcuna ricetta segreta per superare i momenti tristi, quelli in cui le ore ti sembrano interminabili e prive di senso. “Ma il tempo passa anche quando hai l’impressione che si sia fermato” e sta solo a te cambiare angolo di visuale, cosicché “la paura viene pian piano soffocata dalla fiducia e dall’amore”. Sì, forse in questa raccolta c’è anche un inno all’amore, ma solo perché l’amore è il senso per eccellenza della vita, che, almeno l’autore, vorrebbe vivere in costante equilibrio tra razionale e irrazionale.

Quattordici racconti e quattordici angoli di visuale differenti e, se fossimo stati nella realtà, sarebbero stati anche di più. L’importante, in fondo, è solo cambiare approccio, partendo dall’idea che c’è almeno un altro punto di vista oltre il nostro e che, se lo vogliamo, riusciremo a volare con la nostra fantasia sulle ali di una farfalla.